EMILIO FEDERE PARLA DEL SUO DECLINO: “MI HANNO TOLTO TUTTO, VIVO COSI COME UN POVERO”

Il declino di Emilio Fede, parla l’ex nobile del giornalismo, dopo il licenziamento a Mediaset gli è stato quasi tolto tutto. Durante un’intervista a “Il Tempo” si è lanciato con parole amare nei confronti di chi lo avrebbe fatto fuori, senza rispetto per ciò che aveva sempre rappresentato.

“Mi hanno tolto la casa, la macchina, l’autista e i benefit. Oggi vivo pagando l’affitto e le bollette dell’immobile che mi spetterebbe di diritto. Sono stati dei mesi terribili”, ha spiegato Emilio Fede.

Emilio fede ha raccontato così il 28 marzo del 2012, cioè il suo ultimo giorno da direttore del “suo tg”:
“Avevo appena terminato l’ultima edizione del Tg4 e stavo raggiungere Berlusconi in tribuna a San Siro. Ma mi hanno avvicinato due dirigenti Mediaset dicendomi ‘Sei licenziato’ “.

Cos’è successo? Ecco cosa dichiara Fede:
“E’ stata tutta una cospirazione per farmi fuori. I miei accordi con Mediaset erano chiari: dall’1 luglio del 2012 sarei andato in pensione mantenendo il titolo di direttore editoriale, con tutti i benefit. Invece tutto coincide con la lettera anonima recapitata ai giornali in cui si diceva che aveva portato in Svizzera svariati milioni, da qui è sfociato il mio licenziamento. Chi ha ideato questo non fa parte dell’azienda, è sicuramente un esterno. Sono una vittima dell’invidia”.

Ma Emilio Fede non l’ha con Berlusconi, cioè con l’uomo che gli ha regalato la seconda giovinezza professionale. I rapporti con l’ex Cavaliere, secondo Fede, sono ancora buoni.

“Voglio essere reintegrato negli affetti della famiglia Berlusconi […] Questo è il mio quarto capodanno lontano da Arcore, l’ho trascorso con loro per ben 23 anni. Con Berlusconi ci siamo risentiti con la promessa che quando finirà il processo ci rivedremo. Francesca Pascale l’ho aiutata e sostenuta sempre, ma mi ha voltato le spalle”.

FONTE: Fanpage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *